ADiC Umbria

Associazione per i diritti dei Cittadini (SITO IN MANUTENZIONE)

Categoria: News Pagina 1 di 3

COMUNICATO AI CITTADINI CONSUMATORI E UTENTI. I SERVIZI ADIC AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

DA OGGI: Bonus per i seggiolini anti-abbandono

Vademecum per evitare gli sprechi di acqua in casa. Cosa possiamo fare?

 

 

 

SCARICA QUI: VADEMECUM ACQUA

 

CORONAVIRUS E DIRITTI DEI CONSUMATORI PER I VIAGGI PRENOTATI

E’ attivo il servizio di sportello informativo sull’Economia Circolare

Cos’è Economia Circolare

I principi dell’economia circolare contrastano con il tradizionale modello economico lineare, fondato invece sul tipico schema “estrarre, produrre, utilizzare e gettare”.

L’economia circolare è un modello di produzione e consumo che implica condivisione, prestito, riutilizzo, riparazione, ricondizionamento e riciclo dei materiali e prodotti esistenti il più a lungo possibile. In questo modo si estende il ciclo di vita dei prodotti, contribuendo a ridurre i rifiuti al minimo. Una volta che il prodotto ha terminato la sua funzione, i materiali di cui è composto vengono infatti reintrodotti, laddove possibile, nel ciclo economico. Così si possono continuamente riutilizzare all’interno del ciclo produttivo generando ulteriore valore.

L’economia circolare è dunque un sistema economico pianificato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi e che in tutte le fasi – dalla progettazione, alla produzione, al consumo, fino alla destinazione a fine vita – sappia cogliere ogni opportunità di limitare l’apporto di materia ed energia in ingresso e di minimizzare scarti e perdite.

Non parliamo quindi solo di rifiuti. Spesso si associa l’Economia Circolare al semplice tema del riciclo rifiuti o comunque a qualche cosa di strettamente attinente alle aziende del waste management. In realtà la Circular Economy sposta il focus dal concetto di “rifiuto” a quello di “prodotto” e di “risorse produttive” e dagli aspetti prettamente ambientali a quelli industriali e di business.

Sebbene l’industria del riciclaggio sia un pilastro fondamentale dell’economia circolare, dobbiamo ricordarci che lo scopo dell’economia circolare è quello di essere rigenerativa, sistemica e di far rimanere la materia nel ciclo economico. Questo significa non solo riciclare, ma anche riusare, trasformare i prodotti in servizi, rendere gli oggetti più riparabili, creare modelli industriali che abbiano impatti rigenerativi sulla società, significa ripensare il design dei processi e dei prodotti.

Scarica la nostra brochure qui: CHIUDIAMO Il CERCHIO!

Prorogato per il termine della presentazione delle domande al FIR

PROROGATO AL 18 APRILE 2020 IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI ACCESSO AL FONDO INDENNIZZO RISPARMIATORI

L’emendamento approvato dal governo concede due mesi in più  per formalizzare le istanze dei risparmiatori truffati o rimasti coinvolti nel crack delle banche venete (Popolare di Vicenza e Veneto) e quelle del Centro Italia (Banca Etruria, Banca delle Marche, CariChieti e CariFerrara) 

 

Il FIR è chiamato ad indennizzare i risparmiatori che hanno subìto un pregiudizio ingiusto da parte di banche e controllate con sede legale in Italia, poste in liquidazione coatta amministrativa dopo il 16 novembre 2015 e prima del 1° gennaio 2018.

Con la Legge Finanziaria dell’anno 2020 è stato PROROGATO al 18 aprile 2020il termine per la presentazione delle domande di accesso al F.I.R. (fondo indennizzo risparmiatori).

Gli interessati possono contattare i nostri avvocati presso gli sportelli della nostra Associazione nelle sedi e negli orari meglio indicati:

A.DI.C. UMBRIA – SEDE LEGALE: Via PIEVAIOLA 10 – 06100 PERUGIA – Tel/Fax 075 5004728 / 3200171746 – mail: adic.umbria@gmail.com

MANIFESTO DI ASSISI PER “UN’ECONOMIA A MISURA D’UOMO” CONTRO LA CRISI CLIMATICA

A.Di.C Umbria ha firmato il manifesto di Assisi. Questo manifesto è un grande contributo contro la crisi climatica e per una economia a misura di uomo.

Scarica qui il Manifesto di Assisi: Manifesto di Assisi 

Potete firmare qui.

Giorni e orari di apertura degli Sportelli durante il periodo natalizio

[cmsms_row data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_overlay_opacity=”50″ data_color_overlay=”#000000″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_bg_color=”#ffffff” data_color=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_simple_icon icon=”cmsms-icon-calendar-8″ size=”40″ display=”block” text_align=”center” target=”self” animation=”rollIn” animation_delay=”0″][/cmsms_simple_icon][cmsms_text animation_delay=”0″]

Nell’augurarvi Buone Feste, i servizi dei nostri Sportelli durante il periodo natalizio saranno garantiti nelle seguenti date:

PERUGIA
APERTO 27 DICEMBRE DALLE 10:00 ALLE 12:00 ORE.
APERTO DAL 9 GENNAIO.
GUBBIO
APERTO DAL 13 GENNAIO.
MARSCIANO
APERTO DAL 9 GENNAIO.
CITTÀ DI CASTELLO
APERTO 23 DICEMBRE E 6 GENNAIO IN VIA CORSO CAVOUR.
APERTO 9 GENNAIO IN VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ.
FOLIGNO
APERTO DAL 23,24,27 E 28 DICEMBRE. CHIUSO DAL 30 DICEMBRE AL 3 GENNAIO.
CORCIANO
APERTO DAL 9 GENNAIO.
GUALDO TADINO
APERTO IL 23 DICEMBRE. CHIUSO DAL 30 DICEMBRE AL 6 GENNAIO.
BASTIA
APERTO DAL 13 GENNAIO.
NORCIA
APERTO DAL 8 GENNAIO.
TERNI
APERTO 23 E 30 DICEMBRE. CHIUSO 6 GENNAIO.
SANTA MARIA DEGLI ANGELI – ASSISI
APERTO DAL 7 GENNAIO.
NARNI    
APERTO 23 E 30 DICEMBRE. CHIUSO 6 GENNAIO.
AMELIA
APERTO DAL 7 GENNAIO.
SPOLETO
APERTO 23 DICEMBRE. CHIUSO DAL 24 DICEMBRE AL 6 GENNAIO.

[/cmsms_text][cmsms_image align=”center” animation_delay=”0″]3261|https://www.adicumbria.it/wp-content/uploads/2019/12/maxresdefault.jpg|full[/cmsms_image][/cmsms_column][/cmsms_row]

IL FUTURO DEL PIANETA PASSA DALLA ECONOMIA CIRCOLARE

[cmsms_row data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_overlay_opacity=”50″ data_color_overlay=”#000000″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_bg_color=”#ffffff” data_color=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsms_column data_width=”1/1″][cmsms_text animation_delay=”0″]

AGENDA 2030 O.N.U.:

“ L’attuale modello di sviluppo è insostenibile non solo sul piano ambientale ma anche su quello economico e sociale”

  • A.Di.C Umbria (Associazione per i Diritti dei Cittadini)
  • Federconsumatori Umbria

portano il proprio contributo presentando il progetto “CHIUDIAMO IL CERCHIO. TEORIE E PRATICHE DI ECONOMIA CIRCOLARE”  (Bastia 15 novembre 2019, “Fa la Cosa Giusta”).

Hanno presentato il progetto Giuliano Mancinelli, Presidente A.Di.C. Umbria e Umberto Ricci, Presidente Federconsumatori Umbria.

Hanno portato importanti contributi: Il Sindaco di Castiglione del Lago, Matteo Burico; il Presidente di Legambiente Umbria Maurizio Zara; la Dirigente di Arpa Umbria Alessandra Santucci; il Responsabile Operativo di Asja Ambiente Davide Ministro; il Responsabile di Policart Alessandro De Conti, l’Amministratore Delegato Cartiere di Trevi Franco Graziosi, L’Ideatore del Progetto Betty Boat Stefano Garzi, il Collaboratore Associazione “Fridays For Future” Adriano Bertone.

Hanno condotto e coordinato l’incontro Federico Valentini, Consulente Ambientale e Franca Caramello, Vicepresidente A.Di.C.

Presenti alla iniziativa Dirigenti e Funzionari della Regione Umbria.

Il Progetto finanziato dalla Regione Umbria ai sensi del Art. 4 decreto del D.D. 17 giunio 2019 con riferimento alle attività di assistenza, informazione e educazione a favore dei consumatori.

Si articolerà nell’arco di circa 1 anno su 7 aspetti tematici che coinvolgeranno in decina di incontri Istituzioni, Cittadinanza, Università, studenti universitari, studenti di scuole primarie e secondarie, popolazione e residenti di origine straniera, centri sociali e aziende.

[/cmsms_text][cmsms_text animation_delay=”0″]

[/cmsms_text][/cmsms_column][/cmsms_row]

Pagina 1 di 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén